LeGrandJeu

Una «mappa» per colpire

 

Al di fuori del fatto di cronaca - l'ennesimo arresto di writers stranieri a Milano -, trovo estremamente interessante l'idea che avessero una "mappa" del percorso da seguire. E' un documento che strizza l'occhio alla psicogeografia di Guy Debord e agli interventi urbani situazionisti, a modo suo...

Dal Corriere della Sera del 26 aprile 2013, edizione milanese :

"Stavano seguendo un itinerario preciso con indicazioni molto dettagliate sulle vie e sulle stazioni metropolitane da «visitare». Tutto scritto a mano su un foglietto che la Polizia locale ha provveduto a sequestrare, insieme con 21 bombolette di vernice spray e un iPhone, nel corso di un intervento che ha portato alla denuncia di 4 writer spagnoli colti in flagranza mentre imbrattavano alcuni muri cittadini.

I WRITER - L’intervento è avvenuto in via Calliano, zona piazza Stuparich. Gli agenti dell’Unità tutela trasporto pubblico erano in servizio in abiti civili quando hanno sorpreso i quattro ragazzi mentre imbrattavano i muri con le loro firme. Tutti cittadini spagnoli, avevano con sé 21 bombolette di vernice spray e un iPhone contenente decine di fotografie delle loro «imprese». I giovani, che parlavano bene l'italiano, hanno dichiarato agli agenti di essere «artisti globetrotter.

 

 

L'ITINERARIO - A testimoniarlo, oltre alle immagini che hanno mostrato agli agenti e che li ritraevano a viso coperto dai passamontagna mentre imbrattavano muri, insegne e vagoni ferroviari in varie località, anche un dettagliato itinerario scritto a mano su un foglietto: a partire da Milano (con una serie di indicazioni su vie e stazioni metropolitane), elencate anche altre città europee come Vienna, Berlino, Rotterdam, Amsterdam. La «mappa», insieme ad alcuni accessori per la pittura a spray, è stata trovata nel corso di una perquisizione domiciliare presso un ostello. I writer, che in un primo momento avevano dichiarato di non avere fissa dimora e di aver lasciato i propri effetti personali al deposito della Stazione Centrale, hanno poi confessato alla Polizia locale di essere domiciliati all’ostello. I quattro, tutti senza precedenti penali, sono stati indagati in stato di libertà per imbrattamento e il materiale perquisito sarà messo a disposizione dell’Autorità giudiziaria".

 

La Repubblica - Milano precisa l'età dei writers: "Gli agenti dell'unità tutela trasporto pubblico, diretta dal comandante della polizia locale, Tullio Mastrangelo, erano in servizio in abiti civili quando hanno sorpreso i quattro mentre imbrattavano i muri con le loro firme. G.M.C.V. (1989), I.P.A. (1989), M.O.A. (1989) e R.J.A. (1987), tutti cittadini spagnoli, avevano con sé 21 bombolette di vernice spray e un i-Phone contenente decine di fotografie delle loro 'imprese' ".

  • graffiti
  • arresto
  • vandal squad
  • vandalism
  • writers arrested
War Bulletin
War Bulletin
Quanto ci costa un writer

Quanto ci costa un writer

Claudio Schirinzi analizza i costi del writing, dopop l'ultima serie di arresti in Lombardia

  • claudio schirinzi
  • writing
War Bulletin
War Bulletin
War Bulletin

War Bulletin

Gli ultimi aggiornamenti nella lotta contro i graffiti

  • war bulletin
  • graffiti
  • vandal squad
  • processi
  • milano
  • pisapia
War Bulletin
War Bulletin
Una «mappa» per colpire

Una «mappa» per colpire

Quattro writers spagnoli, muniti di una mappa dettagliata, sono stati fermati a Milano.

  • graffiti
  • arresto
  • vandal squad
  • vandalism
  • writers arrested